2,042 Views

Tra le soluzioni per il riscaldamento sostenibile di ambienti e acqua calda, pompe di calore e caldaia ionica sono le più diffuse in commercio.
Analizziamo per entrambe caratteristiche, potenzialità e prestazioni.

Come funziona una pompa di calore

La pompe di calore sfruttano un elemento naturale e, mediante compressione, lo trasformano in calore, che poi viene immesso nell’edificio. Un funzionamento paragonabile a quello di un frigorifero, ma con direzione inversa.

Le fonti naturali possono essere molteplici: aria, terreno, acqua e calore di scarto, proveniente da altri processi.

Un’idea sensazionale, se non fosse per i suoi inconvenienti. Le pompe di calore, in particolare quelle ad acqua e geotermiche, sono spesso ingombranti e prevedono un impianto complesso, formato da molteplici componenti. Anche la tipologia ad aria, seppur pensato per appartamenti, comporta un dispendio di spazio che per una famiglia tradizionale (da 3 a 6 persone) può arrivare addirittura a 1mq di pavimento per 1,8m di altezza.

Caldaia a dissociazione ionica: meno invadente, più efficiente

La caldaia ionica sfrutta il fenomeno della dissociazione degli ioni di un liquido per riscaldare acqua e stanze di un’abitazione.

Le differenze dalle pompe di calore sono subito evidenti: l’ingombro è decisamente minore, la caldaia può essere posizionata non solo all’interno, spesso unica possibilità per la pompa di calore, ma sistemata anche all’esterno dell’abitazione. La caldaia ionica resiste anche a temperature parecchio al di sotto dello zero termico.

L’efficienza energetica di una caldaia ionica è superiore rispetto alle pompe di calore: a parità di quantità di fonte primaria, il calore prodotto è maggiore. Per non parlare poi del prezzo iniziale dell’impianto: la caldaia ionica è decisamente più economica.

Installazione e manutenzione delle pompe di calore: complesse e impegnative

Una volta scelta la pompa di calore che più risponde alle proprie esigenze, inizia la fase di installazione e configurazione dell’impianto da parte degli specialisti. Essendo molteplici le componenti e numerosi i collegamenti da sistemare, prima del completamento dei lavori bisogna spesso attendere svariati giorni.

Una volta entrato in regime, l’impianto richiede la pulizia periodica dei filtri, necessaria per mantenere le prestazioni e una corretta azione purificante dell’aria.

A questo si aggiunge anche la manutenzione straordinaria, effettuata da personale esperto, che deve essere condotta ogni 2/4 anni (fonte: Agenzia Nazionale Efficienza Energetica)

Caldaia ionica: facile da installare, zero manutenzione

L’installazione di una caldaia ionica richiede decisamente meno: un professionista, dopo aver eseguito il sopralluogo, procederà con la sistemazione dell’impianto, che avverrà in poche ore.

Degna di nota è l’assenza di qualsiasi manutenzione ordinaria e straordinaria: attivata la caldaia, non sarà più necessario alcun l’intervento. Un notevole risparmio economico e di tempo.

Clima Planet installa
la caldaia ionica in abitazioni e appartamenti di Bergamo, Milano e in tutta Italia.

Vuoi chiedere più informazioni? Contattaci oppure utilizza il modulo: ti risponderemo al più presto!